Chi sono davvero e perché, se sei un imprenditore, otterrai il massimo per la tua immagine scattando con me

Fino a qualche anno fa io ero un promotore finanziario. Ci vuole poco per scoprirlo perché il web non nasconde nulla. Nel tempo ho fatto svariate attività che mi hanno portata addirittura a parlare sul palco del TEDx per una start-up a vocazione sociale realizzata con un paio di amici.

Poi, di nuovo, mi è stata regalata una macchina fotografica.

Se ti stai chiedendo perché, la risposta è presto data. Ero la tipica persona che agli eventi fa le foto a tutti. Sono innamorata dei volti. Non so se nella tua cerchia di persone hai altre Ornella. Ma io sono quel tipo di persona che adora stare dietro le quinte, organizzare e lasciare un ricordo di ciò che c’è stato. Ogni tanto oggi riesco a scamparla con un “non ho con me la macchinaMa ormai i telefoni non mi permettono più di stare tranquilla. Insomma,

io sono quella che riesce a fare venire a fuoco il soggetto. Sempre, da sempre. E incredibilmente bene.

Ho sempre avuto l’occhio perché mio padre ha sempre fatto girare per casa macchine fotografiche. Lui stesso ha fondato il circolo fotografico qui a Dalmine. Quindi con il passare del tempo, non c’era modello analogico o digitale che non arrivasse qui in casa, almeno in prova, per un motivo o per l’altro.

Nella mia vita giovane vita scout, nonostante la mia condotta sia stata pessima, ho fatto una sola specialità: fotografia! Lì mi dicevano: non ce la farai, non ti applichi. Ci ho impiegato qualche anno a capire quanto per me fossero importanti i sorrisi degli altri. Eppure…

Anche crescendo ho avuto la fortuna di “avere la mia macchina piuttosto rapidamente. Ci sono foto di viaggi che ricordo, particolarmente importanti, scattate da me. Se torno indietro ai miei 14 anni non tutti avevano una macchina fotografica, mentre io sì. Anche le prime digitali io le ho avute.

Quando poi sono stata socia nel Rotaract Bergamo Città Alta ne ho approfittato per affinare la mia tecnica. Ho scattato centinaia di foto per un paio d’anni come se non ci fosse un domani a tutti i volti che mi capitavano di fronte.

Così quando mi sono seduta per capire quale fosse la strada per me, è stato naturale scegliere quella che fosse migliore per me.

[non ti piace leggere gli articoli lunghi? Qua c’è la versione youtube! https://youtu.be/isuM8ZHyBec]

Tutto molto bello. E quindi?

“Ok Ornella, tutto molto bello. Ma non ho ancora capito per quale ragione io imprenditore dovrei affidarmi a te e alla tua bella storiella.”

Te lo spiego in un attimo, anche se raccontarlo mi costa davvero una fatica incredibile. Perdonami se ho tergiversato un po’ all’inizio, condividere la propria vita non è mai semplice… Ma ti svelo il mio segreto!

Se devo pensare a ciò che ho passato negli anni, nella mia infanzia e adolescenza ho sempre trovato persone che mi dicevano che non ce l’avrei fatta, che non stavo facendo la cosa giusta. Io non ero mai la persona adatta a fare qualcosa, qualsiasi cosa.  Sono cresciuta con dei sensi di colpa grandi come una casa, ma per assurdo vedo negli altri con facilità i pregi che mi costa una fatica incredibile vedere in me.

L’imprenditore che si mette in gioco e addirittura si mette di fronte ad una fotocamera si mostra e dimostra tutti i suoi punti deboli e forti. Le porte in faccia ricevute negli anni. Vedo il punto dove vuole dove vuole arrivare.

Nelle foto vedo i lati positivi che a me sono sempre stati preclusi.

Quando sto una giornata con un imprenditore, per me è un’esperienza arricchente. Sapere come ha fatto ad arrivare a quel livello è importante. Mi fa crescere e so che può farmi migliorare un passo alla volta, uno scatto alla volta.

Va oltre il giudizio personale. È una professione in evoluzione.

Mostra la tua passione al lavoro
Ornella Pesenti

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *